Nightmare before Christmas: ogni giorno è Natale!

Io, discepolo di Tim Burton, suo devoto ammiratore, spettatore incallito di ogni suo film, conoscitore qualunque dettaglio reso noto circa la sua vita privata e carriera artistica, potevo non parlarvi di The Nightmare Before Christmas?

Ebbene, The Nightmare Before Christmas è la quintessenza del genio burtoniano, un’opera così profonda e rappresentativa dell’artista in questione da comparire, sotto forma di anticipazione o rimando, in numerose altre sue opere, un successo planetario, al punto da riscuotere un grande seguito ancora oggi, a distanza di anni dalla propria nascita.

The Nightmare Before Christmas non è un “muscial”, non è un “cartone animato”, non è frutto delle elucubrazioni d’un folle anzi… a pensarci bene non è nemmeno un film… è, semplicemente, poesia allo stato puro!

Non fatevi intimorire dalla “copertina”, cadendo nell’inganno che si tratti di un film horror o non adatto ai bambini perché, in verità, proprio al lato infantile d’ognuno di noi si rivolge. In questo caso, vale proprio il detto “le apparenze ingannano”.

È dopo questa sentita, forse troppo lunga ma doverosa, introduzione, che vi invito caldamente a cancellare l’”incubo” del cenone radunando tutti i vostri cari dinanzi ad uno schermo condividendo, insieme, minuti di pura magia! Cosa ne dite? Anche per noi, è arrivato il momento di accendere la TV e… cadere nell’immaginario grottesco e surreale partorito da Tim Burton!

Nightmare 4

Trama

Jack Skeletron è il “Re delle zucche”, l’incarnazione vivente o, per meglio dire, “morta”, della festa di Halloween : si tratta, infatti, di un simpatico ed eclettico scheletro animato.
Di anno in anno, Jack si prodiga per organizzare le celebrazioni della propria festività ma, con il tempo, il proprio ruolo lo logora, facendolo sentire vincolato ad una monotona e grigia routine.

Un giorno, dopo l’ennesima ricorrenza, il nostro protagonista s’imbatterà in una selva d’alberi con una particolarità: su ciascuno dei loro tronchi è intagliata una porta che simboleggia una festività dell’anno.

Curiosamente attratto da un uscio a forma d’abete, Jack ne girerà il pomello e, così, verrà catapultato nella “Città del Natale”. Qui, il protagonista conoscerà emozioni ed usanze a lui sconosciute, il calore umano e l’amore verso il prossimo.

Incantato da quanto esperito, Jack Skeletron farà ritorno al proprio paese rinnovato, con una nuova, ingenua, perversa quanto pericolosa ambizione: questa volta, sarà lui, assieme al proprio fido compagno a “quattro zampe”, Zero, ad appropriarsi del natale, calandosi di camino in camino.

Uno scheletro che si occupa dei preparativi dell’avvento… cosa potrebbe mai andare storto?!

Poesia a 360°!

Poesia a 360°!

Tim Burton, noto ai più per i suoi successi cinematografici, è in realtà un artista a tutto tondo: scrittore, poeta, scultore, pittore e tutto ciò che contempla l’atto di “creare”. Giustappunto, The Nightmare Before Christmas, nella sua forma originale, non si trattava affatto di una pellicola bensì… di una poesia! Per chi desiderasse approfondire l’argomento, lascio a seguito il testo in lingua originale tratto dallo scritto:

It was late one fall in Halloweenland,
And the air had quite a chill.
Against the moon a skeleton sat,
Alone upon a hill.

He was tall and thin with a bat bow tie;
Jack Skellington was his name.
He was tired and bored in Halloweenland –
Everything was always the same.

“I’m sick of the scaring, the terror, the fright.
I’m tired of being something that goes bump in the night.
I’m bored with leering my horrible glances,
And my feet hurt from dancing those skeleton dances.
I don’t like graveyards, and I need something new.
There must be more to life than just yelling, ‘Boo!'”

Then out from a grave, with a curl and a twist,
Came a whimpering, whining, spectral mist.

It was a little ghost dog, with a faint little bark,
And a jack-o’-lantern nose that glowed in the dark.

It was Jack’s dog, Zero, the best friend he had,
But Jack hardly noticed, which made Zero sad.

All that night and through the next day,
Jack wandered and walked.
He was filled with dismay.

Then deep in the forest, just before night,
Jack came upon an amazing sight.

Not twenty feet from the spot where he stood
Were three massive doorways carved in wood.

He stood before them, completely in awe,
His gaze transfixed by one special door.

Entranced and excited, with a slight sense of worry,

Jack opened the door to a white, windy flurry.

Jack didn’t know it, but he’d fallen down
In the middle of a place called Christmas Town!

Immersed in the light, Jack was no longer haunted.
He had finally found the feeling he wanted.
And so that his friends wouldn’t think him a liar,
He took the present filled stockings that hung by the fire.
He took candy and toys that were stacked on the shelves,
And a picture of Santa with all of his elves.
He took lights and ornaments and the star from the tree,
And from the Christmas Town sign, he took the big letter C.

He picked up everything that sparkled or glowed.
He even picked up a handful of snow.
He grabbed it all and without being seen,
He took it all back to Halloween.

Back in Halloween, a group of Jack’s peers
Stared in amazement at his Christmas souvenirs.
For this wondrous vision none were prepared.
Most were excited, though a few were quite scared!

For the next few days, while it lightninged and thundered,
Jack sat alone and obsessively wondered.
“Why is it they get to spread laughter and cheer
While we stalk the graveyards, spreading panic and fear?
Well, I could be Santa, and I could spread cheer!
Why does he get to do it year after year?”
Outraged by injustice, Jack thought and he thought.
Then he got an idea. “Yes…yes…why not!”

In Christmas Town, Santa was making some toys
When through the din he heard a soft noise.
He answered the door, and to his surprise,
He saw weird little creatures in strange disguise.
They were altogether ugly and rather petite.
As they opened their sacks, they yelled, “Trick or treat!”
Then a confused Santa was shoved into a sack
And taken to Halloween to see mastermind Jack.

In Halloween everyone gathered once more,
For they’d never seen a Santa before
And as they cautiously gazed at this strange old man,
Jack related to Santa his masterful plan:

“My dear Mr. Claus, I think it’s a crime
That you’ve got to be Santa all of the time!
But now I will give presents, and I will spread cheer.
We’re changing places I’m Santa this year.
It is I who will say Merry Christmas to you!
So you may lie in my coffin, creak doors, and yell, ‘Boo!’
And please, Mr. Claus, don’t think ill of my plan.
For I’ll do the best Santa job that I can.”

And though Jack and his friends thought they’d do a good job,
Their idea of Christmas was still quite macabre.

They were packed up and ready on Christmas Eve day
When Jack hitched his reindeer to his sleek coffin sleigh.
But on Christmas Eve, as they were about to begin,
A Halloween fog slowly rolled in.

Jack said, “We can’t leave; this fog’s just too thick.
There will be no Christmas, and I can’t be St. Nick.”
Then a small glowing light pierced through the fog,
What could it be?…It was Zero, Jack’s dog!

Jack said, “Zero, with your nose so bright,
Won’t you guide my sleigh tonight?”

And to be so needed was Zero’s great dream,
So he joyously flew to the head of the team.

And as the skeletal sleigh started its ghostly flight,
Jack cackled, “Merry Christmas to all,
and to all a good night!”

‘Twas the nightmare before Christmas, and all though the house,
Not a creature was peaceful, not even a mouse.
The stockings all hung by the chimney with care,
When opened that morning would cause quite a scare!
The children, all nestled so snug in their beds,
Would have nightmares of monsters and skeleton heads.
The moon that hung over the new-fallen snow
Cast an eerie pall over the city below,
And Santa Claus’s laughter now sounded like groans,
And the jingling bells like chattering bones.
And what to their wondering eyes should appear,
But a coffin sleigh with skeleton deer.
And a skeletal driver so ugly and sick,
They knew in a moment, this can’t be St. Nick!

From house to house, with a true sense of joy,
Jack happily issued each present and toy.
From rooftop to rooftop he jumped and he skipped,
Leaving presents that seemed to be straight from a crypt!
Unaware that the world was in panic and fear,
Jack merrily spread his own brand of cheer.

He visited the house of
Susie and Dave;
They got a Gumby and Pokey
From the grave.
Then on to the home of
Little Jane Neeman;
She got a baby doll
Possessed by a demon.

A monstrous train with tentacle tracks,
A ghoulish puppet wielding an ax,
A man-eating plant
Disguised as a wreath,
And a vampire teddy bear
With very sharp teeth.

There were screams of terror, but Jack didn’t hear it,
He was much too involved with his own Christmas spirit!
Jack finally looked down from his dark, starry frights
And saw the commotion, the noise, and the light.
“Why, they’re celebrating, it looks like such fun!
They’re thanking me for the good job that I’ve done.”
But what he thought were fireworks meant as goodwill,
Were bullets and missiles intended to kill.
Then amidst the barrage of artillery fire,
Jack urged Zero to go higher and higher.
And away they all flew like the storm of a thistle,
Until they were hit by a well guided missile.
And as they fell on the cemetery, way out of sight,
Was heard, “Merry Christmas to all, and to all a good night.”

Jack pulled himself up on a large stone cross,
And from there he reviewed his incredible loss.
“I thought I could be Santa, I had such belief…”
Jack was confused and filled with great grief.
Not knowing where to turn, he looked toward the sky,
Then he slumped on the grave and he started to cry.
And as Zero and Jack lay crumpled on the ground,
They suddenly heard a familiar sound….

“My dear Jack,” said Santa, “I applaud your intent.
I know wreaking such havoc was not what you meant.
And so you are sad, and feeling quite blue,
But taking over Christmas was the wrong thing to do.
I hope you realize Halloween’s the right place for you.
There’s a lot more, Jack, that I’d like to say,
But now I must hurry, for it’s almost Christmas Day.”
Then he jumped in his sleigh, and with a wink of an eye,
He said, “Merry Christmas!”, and he bid them good-bye.

Back home, Jack was sad, but then, like a dream,
Santa brought Christmas to the land of Halloween.

Agli albori della propria carriera, mentre lavorava alle dipendenze della Disney, Tim scrisse una breve componimento che, in sostanza, sarebbe poi stata la traccia guida per strutturare il film d’animazione. Inizialmente, l’artista aveva in mente di farne un cortometraggio di appena una ventina di minuti e propose l’impresa alla Disney stessa. Uno scheletro, un cane fantasma, creature surreali, deformi ed immonde: cosa avrebbe potuto rispondere la multinazionale regno dell’immaginario infantile? Ovviamente, il responso fu totalmente negativo e Burton venne radiato.

Dopo avere incassato i suoi primi successi quali Edward mani di forbice (1990) e Batman-Il ritorno (1992), il regista volle riproporre l’impresa alla Walt Disney Company la quale, stavolta, accettò, ma a patto di affidare la regia a Henry Selick cosa che, in fondo, non dispiacque molto allo stesso Burton, impegnato su più fronti per la realizzazione di altri film.

Con il senno di poi, bisognerebbe ringraziare la Disney per avere bloccato l’estro di Tim Burton alla prima proposta: questo, d’altro canto, ha permesso a The Nightmare Before Christmas di divenire non un siparietto di venti minuti ma il capolavoro che conosciamo oggi!

E comunque i diritti erano loro, perché loro possiedono tutto. Quando entri a lavorare lì ti fanno firmare un pezzo di carta che dice che qualsiasi cosa tu pensi durante il periodo in cui sei un dipendente diventa automaticamente di proprietà della loro polizia del pensiero. […] Tutto questo è successo dopo Edward mani di forbice e dopo Batman, e il motivo per cui hanno detto di sì è che nel frattempo io avevo avuto la fortuna di trasformarmi in un regista di successo.

(Tim Burton, Burton racconta Burton, Feltrinelli, 2011).

Preludi e risonanze

Come già detto, The Nightmare Before Christmas è il biglietto da visita di Tim Burton. Egli stesso, di fatto, nelle varie interviste e pubblicazioni, la considera come l’opera maggiormente rappresentativa del proprio estro e della sua personalità, custode delle memorie infantili e di valori per lui essenziali.

Il regista, tuttavia, non si limita semplicemente alle parole ma, anche all’interno di altre sue creazioni, non manca di inserire sovente un richiamo alla pellicola in questione.

Prima ancora della creazione di The Nightmare Before Christmas, guardando il lungometraggio Beetlejuice (1988) appare, in una scena finale, un abbozzo dello stesso Jack Skeletron!

Nightmare 1

Dopo la pubblicazione del film in esame, poi, i richiami all’opera aumentano, sia a livello visivo che tematico/strutturale: basti pensare, per esempio, al riproporsi della coppia “protagonista/cane” ne La sposa cadavere (2005) o Frankeenweenie (2012) nonché al ritorno della stop-motion.

Ancora, a distanza di anni dall’uscita nelle sale, The nightmare before christmas riscuote enorme successo così come dimostrano la viva creazione di merchandise inerente e le pubblicazioni videoludiche o letterarie posteriori le quali hanno influenzato anche il panorama fumettistico portando alla creazione di un manga a tema ed un fumetto, da poco tradotto in italiano con il titolo Il viaggio di Zero, approvato dallo stesso Burton, che costituisce un vero e proprio spin-off dell’opera principale.

Stop-motion

La stop-motion o tecnica a “passo uno” è una procedura cui Burton è particolarmente legato e della quale fa largo uso. Utilizzata moltissimo in passato anche in pellicole celebri quali Godzilla (1954) da cui, per sua stessa ammissione, l’artista ha preso la propria passione per la stop-motion stessa, la metodologia di ripresa della quale stiamo parlando è rapidamente caduta in disuso dopo l’avvento della computer grafica, più rapida, efficiente e precisa.

Tornando al “passo uno”, si tratta in realtà di una tecnica tanto semplice ed elementare quanto meticolosa e prolissa. Partendo da modellini di argilla od altri materiali riposizionabili è possibile scattare a questi una foto per poi muoverli di poco, scattare nuovamente una foto, modificarne nuovamente le pose e le espressioni, scattare una foto e così via. Riunendo le numerose foto effettuate in sequenza è possibile, letteralmente, infondere vita nella materia generando, così, l’illusione del movimento. Si tratta, certamente, della strada più lunga per realizzare un lungometraggio: basti pensare che, per realizzare una settantina di minuti di film, Burton ed il suo team hanno impiegato la bellezza di tre anni!

Questa presentazione richiede JavaScript.

Perchè proprio la stop-motion?

La maggioranza di voi, ora, si starà domandando: “Perché ostinarsi ad utilizzare una tecnica così antiquata? Perché impazzire quando un computer potrebbe risolvere molti problemi?”.

Innanzitutto, come suggerisce il regista, il “passo uno” conferisce un’atmosfera poetica al film, cosa nella quale la computer grafica, così perfetta e priva d’imprecisioni, non riesce. L’idea che un oggetto possegga una vita propria, pensiero che, peraltro, esperiamo in prima persona quando conferiamo a qualcosa valori affettivi o simbolici, si tramuta in realtà visiva attraverso l’animazione dei modellini.

Ancora, la stop-motion ha il pregio di obbligare la regia e la produzione ad un contatto ravvicinato con i soggetti della propria opera conducendo così, per inerzia, ad una maggiore cura nei dettagli fisici e caratteriali degli stessi.

Infine, attraverso l’utilizzo della procedura in oggetto, si ha realmente l’impressione di “fare qualcosa”, “toccare con mano” il frutto del proprio lavoro imprimendovi indelebilmente e materialmente la propria impronta artistica. Se avrete la fortuna di visionare The Nightmare Before Christmas in alta definizione, in ogni singolo frame potrete notare i solchi lasciati dalle dita degli artefici: ciò, in un film realizzato con l’ausilio della tecnologia, risulterebbe impossibile rendendo il prodotto, in un certo senso, “distaccato”, interponendo una distanza tra l’artista ed il suo pubblico.

Burton, in tutto questo, è diventato un vero maestro portando la stop-motion ad un livello che ha quasi dell’incredibile, con una finezza di dettagli che potrebbero benissimo essere scambiati per computer grafica e che non fanno per nulla percepire l’assenza di quest’ultima!

Questa presentazione richiede JavaScript.

Grottesco

Come molte delle creazioni di Tim Burton, anche The Nightmare Before Christmas si distingue per una spiccata vena grottesca.

Personaggi dalle abitudini e forme stravaganti si imprimono nella nostra memoria, anche grazie all’attenta cura dei dettagli imposta e portata dalla stop-motion.

Attraverso l’esagerazione delle forme e dei comportamenti, l’autore trova un mezzo per esorcizzare le nostre paure, persino la morte, e capovolgere il senso comune, ironizzando su usi e costumi ai noi noti e comunemente accettati nonché conferendo all’opera finita un tocco originale, fuori dagli schemi ed a cavallo tra mera fantasia e realtà distopica.

Il senso comune, così, viene totalmente messo in discussione e l’apparenza, completamente sfigurata, porta piuttosto il pubblico a focalizzarsi sulla gestualità, sul carattere di ogni protagonista o comparsa, abbattendo pregiudizi e stereotipi.

Attraverso il proprio stile che supera i limiti del caricaturale, Burton riesce dunque a disvelare l’animo gentile che si cela dietro al “mostruoso”.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Immagini e suoni… senza un film!

Tutto quello che avevamo io e Danny, all’inzio, era una poesia, qualche disegno, un abbozzo di storyboard, e una scaletta che avevo scritto una decina di anni prima. Funzionava così: io andavo a casa sua e cominciavamo a lavorarci come se fosse non un musical, ma un’operetta, una cosa un tantino più all’antica, in cui le canzoni sono completamente integrate alla storia. Io gli raccontavo un pezzo della storia e lui componeva una canzone. […] È un modo piuttosto inedito di lavorare: partivamo dal soggetto e dalle canzoni per arrivare alla sceneggiatura.

(Tim Burton, Burton racconta Burton, Feltrinelli, 2011).

Ebbene sì, che ci crediate o meno, l’intera pellicola di cui stiamo parlando, in origine, non esisteva! Non nel senso che, come tutte le cose, doveva essere ancora realizzata: non esisteva proprio come progetto, come schema narrativo, come storyboard!

Come confessa il regista in persona, all’inizio disponeva solo del breve poema, di qualche schizzo dei personaggi principali e… di Danny Elfman, musicista e compositore con il quale aveva da tempo stretto una sincera amicizia ed una forte collaborazione.

Quasi per gioco, i due amici si ritrovarono spesso attorno ad un tavolo: Burton, da un singolo disegno, immaginava una scena, la raccontava ad Elfman e questi, rapidamente, abbozzava una melodia. Alla fine, risultarono tanti scenari isolati, una moltitudine di “coriandoli” che, solo in seguito, furono riuniti in una vera e propria trama.

È proprio il caso di dirlo: è nato prima il film di The Nightmare Before Christmas della sua stessa storia!

Nightmare 7

Tim Burton e Danny Elfman sul set di The Nightmare Before Christmas.

Musica

Come avrete già intuito, l’aspetto musicale gioca un ruolo preponderante all’interno del lungometraggio, tanto da rendere quest’ultimo un musical a tutti gli effetti!

Colonna sonora e narrazione si completano a vicenda, procedendo di pari passo secondo dopo secondo in modo divinamente bilanciato. Ogni singola parola è ponderata, essenziale e mai superflua e, per tale ragione, risulta difficile annoiarsi durante la visione.

Dulcis in fundo, nella versione italiana l’interprete di Jack Skeletron non è altri che Renato Zero il quale, con la sua voce e magistrale abilità, riempie d’incanto ogni assolo ed impreziosisce una pellicola la quale, già di per sé, costituisce una pietra miliare dell’animazione.

Natale

Ovviamente, una delle tematiche principali è proprio la festività del Natale. Burton, con una semplicità ai limiti dell’assurdo, ribadisce un concetto fondamentale: le giornate natalizie non sono magiche in virtù di doni, regali e leccornie ma dello spirito d’amore e fratellanza che, grazie ad esse, dovrebbe emergere.

Se lo “spirito del Natale” dipendesse, invece, dai beni materiali, allora non dovrebbe fare alcuna differenza od impressione ritrovare uno scheletro piuttosto che un simpatico e barbuto omone a cavallo di una slitta volante…

Meraviglia

Jack Skeletron è, a tutti gli effetti, un “adulto bambino”. Maturo solo nell’aspetto, il protagonista si rivela infatti indifeso e meravigliato una volta giunto nella “Città di Natale”.

Ogni cosa, nel paese di “Babbo Nachele”, è per lo scheletro sconosciuta: la neve, i giochi, il focolare acceso o le giostre di cavalli. Del resto, chi di noi, dinanzi al Natale, non torna un poco bambino?

Non si finisce mai di imparare né, tantomeno, di maturare. Tim Burton accarezza ogni nostra certezza facendola vacillare davanti alla prospettiva dell’ignoto ed invitandoci a cogliere quest’ultimo quale occasione per fare nuove esperienze e continuare a crescere lungo il nostro cammino.

Nightmare 19.png

Gli opposti… si completano!

All’interno del piccolo universo di The Nightmare Before Christmas coesistono due realtà opposte ma, proprio per questo, complementari: Halloween e Natale.

Da un lato, l’aria natalizia ci consente di vivere un momento d’idillio e gioia, dimenticarci delle preoccupazioni e delle nostre paure mentre, dall’altro, Halloween richiama gli spettri del terrore e della morte per poi dissacrarli ricordandoci che, in fondo, è proprio la paura che, spesso, ci salva dalle situazioni di vero pericolo.

Certamente, trovare un attimo di svago è cosa buona e giusta ma, dall’altro, non bisogna dimenticarsi della realtà circostante, delle incombenze terrene che, se trascurate, rischiano di travolgerci come macigni.

Ogni festività, come simboleggia la scena del film nella quale ogni albero reca l’ingresso per una ricorrenza differente dell’anno, deve essere considerata quale l’opportunità di evadere, per qualche ora, dalla routine e dal quotidiano ma mai, come a volte accade, come un rifugio, un luogo sicuro ma fittizio il quale, altrimenti, rischierebbe di trasformarci in emarginati ed incompresi.

È stato molto tempo fa, più di quanto ora sembra,

in un posto che forse nei sogni si rimembra,

la storia che voi udire potrete,

si svolse nel mondo delle feste più liete.

Vi sarete chiesti, magari, dove nascono le feste.

Se così non è, direi… che cominciare dovreste!

Buon natale!

In definitiva, The Nightmare Before Christmas è un film che si presta ad essere guardato con tutta la propria famiglia, adatto sia ad un pubblico adulto, sia agli spettatori più in erba.

Tim Burton, nel suo capolavoro, riesce ad estrapolare il nostro lato più autentico e fanciullesco, ingenuo, per certi versi, per tornare a fare risplendere la scintilla della meraviglia, la gioia della scoperta.

Stupirsi, aprire la mente e “mettersi in gioco”, come non smetterò mai di ripetere, sono gli obiettivi principali che questo piccolo blog si pone di raggiungere e, se anche solo uno di voi, grazie al mio umile impegno, è riuscito a dubitare delle proprie certezze, abbattere un singolo luogo comune, posso ritenere a buona ragione di avere ottenuto un ottimo risultato al termine di questo primo anno di scrittura.

Invitandovi dunque caldamente a dare una possibilità a Tim Burton, vi auguro di trascorrere le festività, non solo quella imminente, all’insegna del loro spirito autentico, sapendo cogliere il cuore delle persone che accompagnano la vostra vita giorno dopo giorno, instaurarando sempre più relazioni interpersonali per creare una rete d’amicizia le cui trame trascendono, come ci insegna The Nightmare Before Christmas, il futile aspetto estetico.

Non sforzarti di capirlo, devi solo immaginarlo!

Filmatè

[Per la degustazione completa cliccare qui.

Lo Yunnan DianhongGolden bud sembra calzare a pennello a Jack Skeletron! Dall’insolito colore dorato, diversamente da tutti gli altri tè neri, conserva però il gusto tipico di quest’ultimi nonostante l’apparenza. Esattamente come il rocambolesco scheletro, il tè in questione, dall’animo dolce, con sentori di cioccolato al latte e malto, ha una personalità eccentrica ed eclettica.

Golden Bud ha saputo stupirmi, letteralmente, dimostrando un duplice aspetto, forte richiamo al dualismo Halloween/Natale presente nel lungometraggio. La prima volta che decisi di infondere le foglie, distrattamente, ne utilizzai troppe rispetto ai parametri standard ma, con mia meraviglia, ne risultò un liquore dai sapori totalmente differenti bensì ugualmente piacevoli!

Da un lato, secondo l’infusione corretta, ritroviamo sentori caramellati e di latte al cacao, dall’altro, rompendo gli schemi come Burton è solito fare, si spiana la strada della scoperta e dello stupore, una via fatta di aromi salini e vegetali, di erbe secche e dal sapore deciso, di droghe, quasi umami, non senza una certa mineralità e salinità iniziale!

Yunnan Dianhong è, dunque, un invito ad abbattere ogni pregiudizio, l’emblema della multiformità e diversità, la possibilità del mutamento e dell’adattamento alle nostre esigenze del momento. Voi, quale delle due vesti scegliereste? Vi sentite più Halloween o Natale?

Omar.

2 pensieri su “Nightmare before Christmas: ogni giorno è Natale!

  1. Ciao Omar
    ho voluto leggere con calma il tuo articolo senza fretta e gustandomelo con calma come una tazza di te.
    Mi ha molto incuriosito il film The Nightmare Before Christmas molto approfondite dettagliate sempre seguite da immagini che trovo sempre stupende. adoro trovare in un articolo anche immagini che mostrino ciò di cui stai parlando.
    Condivido a pieno il tuo pensiero, hai fatto un eccellente lavoro in questo primo anno, trovo ogni tuo articolo ricco molto interessante coinvolgente che sa mostrarmi ciò che non ho mai minimamente immaginato, perciò complimenti d’avvero.
    Voglio cogliere l’occasione per riguardarmi il film che vedrò sicuramente con occhi diversi.
    Mi colpiscono le tue parole il tuo amore per il Natale emozioni e spirito che spero di ritrovare con persone umili semplici intelligenti come te.
    Come sempre un abbraccio fortissimo in attesa di una tazza di te in tua compagnia
    Katia

    Piace a 1 persona

    • Grazie infinite Katia, io nel mio piccolo cerco di trasmettere emozioni e sapere che almeno con qualcuno ci riesco, nonostante la mia innata prolissità, è un pagamento ed ap-pagamento più che sufficiente. A presto, con una fumante tazza di tè! 😉

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...