2015 Spring Yiwu “Bliss Ice” Sheng Puerh: un amore che sboccia!

Probabilmente lo avrete intuito: sebbene sia sempre rimasto aperto ad ogni esperienza possibile, i Puerh sono sempre stati i tè che meno apprezzavo… finora!

Nel corso di varie esperienze, avevo capito che i Puerh invecchiati si avvicinavano sicuramente più al mio gusto personale, ma non avevano mai quel “non so che” in grado di farmene innamorare. Forse sarà stato per il rinomato sentore di “cantina”, per la loro personalità fin troppo forte e talora addirittura prepotente… non so…

Questo Sheng Puerh (o Puerh “crudo”) ha segnato tuttavia un vero e proprio voltafaccia e ha saputo, se non proprio conquistarmi, sorprendermi moltissimo, soprattutto grazie ad aromi che mai mi sarei aspettato di ritrovare. Quali sentori avrà mai saputo regalare questo tè? Scopriamolo insieme ma, prima di tutto, qualche specifica “tecnica”.

Come anticipato dal titolo, si tratta di un Puerh invecchiato, raccolto da alberi antichi nella primavera del 2015, presso la zona montuosa di Wa Long-Yiwu-Yunnan-Cina-1100m. Ho scelto di onorare le foglie con la tradizionale infusione tramite gaiwan, utilizzando 60ml di acqua a 90°C, 2,7g di foglie ed effettuando un consistente risciacquo iniziale di circa 5s, per poi procedere con una prima infusione di 15s, aumentando progressivamente di altri 5s fino a raggiungere 7 infusioni.

Beviamoci su!

Le foglie secche! Il loro odore! Giuro, sono rimasto a rimuginarci diverso tempo, forse più per un’aspettativa totalmente contestata, prima di capire che… profumavano di fiori! In particolare, ricordavano intensamente le violette e le rose damascene, inebriando poi anche con note di albicocca, uva bianca e sughero una volta abbracciate dalla teiera riscaldata. La vista, invece, si delizia di un panetto di foglie pressate ma intere, una lastra ardesia sulla quale spiccano venature ocra e sabbia donate dalla presenza delle gemme, le quali sono adornate da una peluria grigio tortora.

Effettuato un doveroso risciacquo, ho ottenuto un liquore limpido e traslucido, che gioca tra tinte bronzo ed arancio carota, incuriosendo con sentori di fragoline di bosco e frutti rossi inframezzati da accenni balsamici e rinfrescanti di rosmarino ed incenso.

La prima tazza, contrariamente a quanto avrei potuto supporre, non presentava spiccati richiami fruttati né tantomeno, nonostante il risveglio iniziale delle foglie, una personalità decisa. Piuttosto, si avvertiva un’apertura delicata di legno e coriandolo, che si è tramutata in ricordi di anacardi nella lunga persistenza.

Timidamente, nella successiva profusione ho percepito qualche sentore zuccherino, ma è dalla terza tazza che sono stato sconvolto da un tripudio di albicocche, talmente deciso da essere praticamente monocorde, ad eccezione di un ritorno legnoso nella persistenza.

Proseguendo, il liquore mantiene la sua caratteristica distintiva ma si evolve arricchendosi di ulteriori sensazioni, come quella di mela cotta, pera acerba e succo di limone, continuando dunque a suscitare interesse senza risultare troppo monotono.

Il fondo vuoto della tazza, con il suo vago accenno agli anacardi, tiene compagnia alle foglie esauste, aperte e di medie dimensioni, intere, con una colorazione verde oliva frammezzata da bordature ruggine. Le gemme sono visibili ma, contrariamente a quanto dichiarato dal produttore, ho riscontrato un coarse pluck (gemma e prime tre foglie) invece di un fine pluck (gemma e prime due foglie), il quale non ha comunque compromesso la qualità né l’esperienza gustativa. Il profumo di confettura di fragole, albicocche e zucchero filato conclude infine una dolce esperienza…

Conclusioni

Che dire? Mai, mai e poi mai mi sarei aspettato di riscontrare un aroma floreale nelle foglie secche di un Puerh così come non avrei nemmeno sognato di poterne definire uno come “rinfrescante” o “balsamico”… aggettivi di solito più consoni ad un tè verde!

Sicuramente, il corpo e la persistenza elevati, così come le note zuccherine, sono frutto sia della stagionatura che della secolarità degli alberi di provenienza, anche se a partire dalla sesta tazza emerge una leggera astringenza terminale la quale, nondimeno, proprio in virtù della spiccata dolcezza non risulta affatto spiacevole.

Dalla personalità forte come la sua categoria vuole, questo Puerh si delinea come un tè marcatamente fruttato e floreale, dai sentori definiti, non estremamente complesso nelle singole aree sensoriali ma alquanto articolato nella sua totalità, presentando varie sfumature e riferendosi anche a ricordi piuttosto lontani (ad esempio, si consideri la profumazione floreale delle foglie secche, il sentore nocciolato e legnoso delle prime infusioni e quello, decisamente più fruttato, delle successive).

Cioccolatè

A Yiwu “Bliss Ice” Sheng Puerh non potevo non abbinare un cioccolato anch’esso insolito, dalla provenienza, per così dire, “non convenzionale”…

Si tratta di un fondente 67% dalle isole Salomone (Oceania), il quale grazie possiede una percentuale di cacao sufficientemente alta da fronteggiare la personalità decisa della bevanda ma, al contempo, abbastanza delicata da farne emergere le dolci note di albicocche, mango acerbo, ribes e datteri, accompagnate da richiami di lemongrass o lime nonché uno sfondo di anacardi o macadamia, sentori che si allineano perfettamente con quelli del tè in esame.

Sebbene l’accostamento possa suscitare in un primo momento qualche dubbio sulla forse troppo marcata dolcezza generale, ritengo che entrambi i prodotti, grazie ad accenni lievemente acidi riescano, se presi singolarmente, ad essere già sufficientemente equilibrati. In fondo, ogni tanto, nella vita ci va anche un “poco di zucchero”, non trovate?

Omar.

2 pensieri su “2015 Spring Yiwu “Bliss Ice” Sheng Puerh: un amore che sboccia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...