Il quaderno canguro: tra rape e marsupiali…

Molti lo paragonano al fantasy, altri ad una commistione di realistico e distopico, taluni ancora ad una sottile forma di horror psicologico. Invero, il nonsense può classificarsi in un “genere” poiché proprio della razionalità e di ogni forma possibile di categorizzazione si fa beffe, ed è proprio da questo che trae forza e giovamento, facendo del caos il proprio mirevole peplo.

Continua a leggere